IO E MONICA.

Debbo lasciarmi andare alla malinconia ed alla nostalgia, tornando indietro nel tempo.

Col pensiero torno al giorno in cui conobbi il mio più grande amore: Monica. Monica (più sotto c’è una nostra fotografia) era molto bella ed elegante: ad esempio non si faceva mai mancare il rossetto sulle labbra in qualsiasi contesto: era proprio una signora.

Ecco qui alcune nostre vicissitudini tratte dai nostri momenti migliori. Mi manchi: abbiamo vissuto delle belle avventure.

Io e Monica ci conoscemmo in Val Camonica:
Io perito in elettronica m’ero ridotto a suonar la fisarmonica;
Lei, di stirpe borbonica, aveva il vizio di spippettarmi a velocità supersonica.

Un giorno, squattrinati e senza vestiti, andammo a Cincinnati con Niccolò Ammaniti.
Li vi incontrammo Al Capone e gli rubammo un milione per comprarci un maglione;
del resto era uno spaccone ciccione come un cappone!

Però spendaccioni finimmo tutti i soldi comprando di vino boccioni
per far bisboccia con Massimo Boldi, ascoltando cacofonie su un impianto Dolby.

 

Io e Monica

Io e Monica quando ci conoscemmo in Val Camonica.

IO E MONICA.ultima modifica: 2016-06-11T20:35:09+00:00da Lo_Psichiatra1

Leave a Reply


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Il tempo passa e cambia le persone.

Un tempo la mia combriccola era molto più viva di adesso: eravamo vari amici, ma poi il tempo è stato con noi infausto e ci ha cambiati.
Per l’occasione ho scritto un altro pensierino:

Il buon Gilbrando,  vincitore di un bando, si è confezionato un vestito di palissandro; è scappato poi al mare per via di conti che doveva saldare: ora naviga il mare – e non senza fretta – su una scarsa barchetta di legno oleandro. È approdato in un bosco con un tipo losco che si presenta dicendo “io non ti conosco”.

Giuseppe, che non s’è mai divertito, è andato da un prete a rubargli il vestito:  mi sembra cambiato l’amico annoiato, ma forse invero si è battezzato! Ora dice le messe mangiando la mousse e accompagna le fesse sull’autobus.

Il caro Michele, divenuto barbone, è uscito di testa e si crede un barone; ma poi si è recato alla  corte del Re che l’ha proclamato il migliore lacchè! Ora si crede un dannato senza un perché: è il degno erede di Carlo Baudelaire.

Di Vincenzo invece si son perse le tracce ma c’è chi l’ha visto a rubare borracce; secondo una certa teoria se n’è andato via a dipingere facce con le sue donnacce.

Ed io che son messo più peggio di tutti, ho chiuso col whiskey, le donne e coi rutti.

Nessuno

Il tempo passa e cambia le persone.ultima modifica: 2016-06-11T18:09:47+00:00da Lo_Psichiatra1

Leave a Reply


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

È ormai giorno: tiè, beccatevi questa

Un’altra usanza che ho notato sui social network è quella di augurare il buongiorno con immagini che solitamente ritraggono gattini e una tazza di caffè.

Ora: io che sono uno furbo, la mattina anziché andare a lavorare oppure accendere il computer, me la dormo della grossa. Quindi m’avvantaggio, cari stacanovisti!
Eccovi il mio buongiorno per quando vi alzerete alle 06:59 04:01

 

Gattino buongiorno

“Miao, miao! È ora d’alzarsi, pelandroni!!”

È ormai giorno: tiè, beccatevi questaultima modifica: 2016-06-11T02:52:51+00:00da Lo_Psichiatra1

Leave a Reply


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

La poesiuola notturna.

Visto che su questa piattaforma ci sono tantissimi sedicenti poeti, non potevo mancare io, dato che ho studiato col Montale: sicché, pur dispiacendomene molto, mi toccherà spiazzarvi, scalzarvi ed oscurare le vostre “capacità“.

La seguente poesia la scrissi qualche anno fa quand’ero afflitto dall’insonnia, ma pur lieto ed ispirato dal firmamento notturno, con la sua luna e le stelle:

 

Poesiuola Notturna

All’una ho guardato la Luna;

alle due ho mangiato un bue;

alle tre ho aspettato il Re;

alle quattro la rima non ho trovato ed a letto sono andato.

Una bella foto ispiratoria della notte, con la luna e le stelle.

Una bella foto ispiratoria della notte, con la luna e le stelle.

La poesiuola notturna.ultima modifica: 2016-06-11T02:38:24+00:00da Lo_Psichiatra1

Leave a Reply


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Il post di prova iniziale. Benvenuto.

lorem ipsum dixit amen.lorem ipsum dixit amen.lorem ipsum dixit amen.lorem ipsum dixit amen.lorem ipsum dixit amen.lorem ipsum dixit amen.lorem ipsum dixit amen.lorem ipsum dixit amen.lorem ipsum dixit amen.lorem ipsum dixit amen.lorem ipsum dixit amen.lorem ipsum dixit amen.

Il post di prova iniziale. Benvenuto.ultima modifica: 2016-06-11T00:16:15+00:00da Lo_Psichiatra1

2 Thoughts on “Il post di prova iniziale. Benvenuto.

  1. myblog.it on 11 June 2016 at 0:16 said:

    Questo è un commento di esempio: se non ti garba sono cacchi tuoi. Per gestire i commenti fai il login (o la plin plin) e poi vai alla sezione Commenti del tuo blog: potrai modificarli o cancellarli. Oppure sbattertene la ciolla.
    Puoi decidere per ogni post o articolo se avere o meno i commenti. Così sia, vai con dios.

  2. Grazie, gentili, precisi e chiarissimi. Sono molto contento di essere qui.

Leave a Reply


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>